giovedì 13 marzo 2014

Fuori in 34 minuti

I Cleveland Browns mercoledì, nel giro di 34 minuti, hanno rilasciato i quarterbacks Brandon Weeden e Jason Campbell. Weeden era stata una sorprendente prima scelta dell'allora dirigente Mike Holmgren nel draft del 2012. Holmgren era così deciso a prendere un quarterback da scegliere Weeden al primo giro nonostante l'età di già 28 anni, ritenendo di aver trovato in lui il quarterback a lungo cercato dalla franchigia. Invece, nonostante il suo braccio forte, Weeden non è riuscito a trasformarsi nel giocatore sperato dalla dirigenza, mostrando diversi limiti come una mancanza di mobilità e la tendenza a concentrarsi su un solo wide receiver quando pressato.Weeden è diventato subito titolare da rookie e, dopo una partenza con quattro intercetti nel suo primo game, è riuscito a lanciare 11 touchdowns a fronte di 8 INTs nei successivi 9 games. Purtroppo a questo promettente avvio non hanno fatto seguito conferme e Weeden non ha prodotto neanche quando Rob Chudzinski ha sostituito Pat Shurmur come head coach. Il suo rilascio lascia il team con $4.2 milioni in dead money sotto il salary cap. Il rilascio di Campbell invece eviterà alla franchigia dell'Ohio di pagare il suo stipendio da $3 milioni ed i $250,000 previsti come roster bonus. Mentre il rilascio di Weeden era atteso, un pò a sorpresa è stato quello di Campbell. Ingaggiato per una stagione come valvola di sicurezza dietro Weeden, Campbell ha finito per giocare titolare in 8 games, giocando abbastanza bene. La sua conferma era attesa perché di solito i coaching staff preferiscono avere almeno un backup veterano.

venerdì 14 febbraio 2014

Le strade dei Jets

I New York Jets sono stati con Geno Smith per l'intera stagione 2013 così, anche se non lo hanno ufficialmente nominato starter per il 2014, sarà ancora Smith a guidare la offense dei Jets nel 2014. Tuttavia, non è da escludere che il team voglia dotarsi di una valvola di sicurezza, cioè di un altro quarterback che possa rimpiazzare Smith se questi dovesse continuare a mostrare i problemi avuti nella stagione appena conclusa. Le strade possibili sono due: o ingaggiare un quarterback in grado di sfidare realmente Smith per lo starting job o prendere un veterano che accetti il ruolo di No. 2. Il problema è che molti dei quarterbacks veterani non sono disponibili ad accettare posizioni dove non siano sicuri di poter avere almeno una chance per diventare il No. 1 spot. Alcuni analisti hanno visto proprio in questo il motivo della decisione del general manager John Idzik di non nominare Smith come titolare sicuro così presto: si vogliono tenere aperte le strade a potenziali free agents che potrebbero scegliere i Jets nella free agency. I Jets hanno attualmente tre quarterbacks a contratto in Smith, Mark Sanchez e Matt Simms. Proprio Sanchez sarebbe il backup ideale: ha vinto nella lega e conosce il team ed il sistema di Marty Mornhinweg. Questioni di opportunità e di costo, visto che Sanchez conterebbe $13.1 milioni contro il salary cap, sconsigliano però questa soluzione. Una opzione accessibile potrebbe essere quella di Matt Schaub, che probabilmente sarà scambiato o tagliato dagli Houston Texans. Rimane il draft dove i Jets potrebbero trovare alcune opzioni interessanti anche dal secondo giro in poi, dove povrebbero finire prospetti come Jimmy Garoppolo da Eastern Illinois o Derek Carr da Fresno State.





venerdì 7 febbraio 2014

Kyle Shanahan a Cleveland

Kyle Shanahan è stato ingaggiato come nuovo offensive coordinator dei Cleveland Browns. I Browns hanno ufficializzato il tutto all'inizio di questa settimana e Shanahan a firmato per tre stagioni. Si tratta di una delle acquisizioni più importanti per il nuovo head coach Mike Pettine, esperto di defense, ingaggiato lo scorso 23 gennaio in sostituzione di Rob Chudzinski. Shanahan era stato intervistato anche da Dolphins e Ravens, mentre i Browns avevano anche avuto un colloquio con il quarterbacks coach dei Raiders, John DeFilippo, per la posizione di offensive coordinator. Il 34enne Shanahan occuperà la stessa posizione avuta per quattro stagioni con gli Washington Redskins, dove ha lavorato sotto suo padre, l'head coach Mike Shanahan. Kyle Shanahan è stato anche precedentemente l'offensive coordinator degli Houston Texans per due stagioni. Gli ultimi tre offensive coordinator dei Cleveland Browns sono così stati Brad Childress, Norv Turner e ora Kyle Shanahan. I due predecessori di Shanahan avevano cv impressionanti. Childress ha guidato Brett Favre e i Vikings ad un passo dal Super Bowl del 2009, con l'ex Green Bay autore di una delle sue migliori stagioni. Dopo una stagione seguente pessima, Childress era stato un anno fuori, prima di raggiungere il coaching staff di Pat Shurmur a Cleveland. Per una parte della stagione Brandon Weeden aveva prodotto come quarterback, prima che le cose peggiorassero ed il coaching staff venisse cambiato. Con l'arrivo di Jimmy Haslam e Joe Banner, e con l'ingaggio di Rob Chudzinski come head coach, è stata la volta di Norv Turner, ex offensive coordinator di Jimmy Johnson a Dallas ed head coach a Washington e San Diego. Una delle più quotate menti offensive della NFL, Turner aveva trovato la soluzione giusta con con Brian Hoyer, prima che problemi con il running game e la mancanza di continuità a quarterback decretassero il fallimento anche di questo esperimento. Sia Childress che Turner erano e sono due buoni allenatori. Quello che ha decretato il loro parziale fallimento a Cleveland è stata la mancanza di un quarterback ed un roster limitato. Questo per dire che non basterà l'arrivo di un'altra mente brillante come Shanahan per portare al successo la offense di Cleveland. Kyle Shanahan che, comunque, sino ad ora, ha avuto grande successo operando in situazioni dove l'head coach aveva molto input nei game plans e nel play-calling. Questo sia sotto Gary Kubiak a Houston che sotto Mike Shanahan a Washington. La prima questione da risolvere per la franchigia dell'Ohio sarà la solita dal 1999 ad oggi: chi sarà il quarterback? Cleveland dovrebbe rilasciare Weeden e forse anche Jason Campbell. Questo lascerebbe il solo Hoyer dal roster della stagione 2013. Ci sono rumors che l'arrivo di Kyle Shanahan potrebbe portare il team ad una trade per il backup di Washington, Kirk Cousins. E c'è anche il draft, con le ipotesi Johnny Manziel, Blake Bortles, Teddy Bridgewater e Derek Carr. Nella offense di Shanahan, ogni cosa parte dallo zone-running scheme. Il suo running game necessità di rapidi offensive linemen. Secondo Matt Williamson di ESPN.com, i tackles Joe Thomas e Mitchell Schwartz potrebbero rientrare in questa descrizione. Così anche Alex Mack, che però è un free agent e potrebbe costare diversi dollari. Cleveland dovrà invece rinforzare parecchio la posizione di running back, mentre come wide receiver Brandon Marshall, Andre Johnson, Pierre Garcon e Josh Gordon sono delle ottime opzioni per questo tipo di attacco. Poi, come detto, vitale sarà il quarterback, che deve essere abbastanza mobile. Ovvio pensare a Robert Griffin, ma la offense di Shanahan ha avuto successo anche con due altri quarterbacks che, non essendo dei super-atleti, sono comunque  abbastanza mobili, mi riferisco a Matt Schaub e Jay Cutler. Le opzioni per aiutarlo ci sono. Vedremo su chi cadrà la responsabilità di far funzionare la offense di Shanahan.




martedì 21 gennaio 2014

Il gran rifiuto

Adam Gase non sarà il nuovo head coach dei Cleveland Browns. Secondo il Denver Post e Adam Schefter di ESPN, l'offensive coordinator dei Broncos ha deciso di non accettare la richiesta di intervista dei Browns. Il nome di Gase si aggiunge quindi ai vari Bill O’Brien, che i Browns non sono riusciti mai ad intervistare; Josh McDaniels, che ha rifiutato quasi subito; James Franklin, che ha scelto di rimanere a livello NCAA; e di Ken Whisenhunt, che ha preferito Tennessee. D'altra parte, perché Gase avrebbe dovuto accettare? I Browns stanno cercando un nuovo head coach perché hanno licenziato l'ultimo dopo soltanto una stagione. La loro situazione a quarterback è sospetta e la classe di quarterbacks al prossimo draft lascia più domande che risposte. Gase, a 35 anni, è giovane e può aspirare di meglio. Specialmente se, come sembra, il quarterback Peyton Manning tornerà nel 2014. Sotto Gase, Manning ha lanciato per 5,477 yards, record in una singola stagione ed ha stabilito un altro primato per una singola stagione lanciando 55 touchdown passes. Nonostante la voglia che Gase abbia di diventare head coach, si trova nella invidiabile posizione di poter rifiutare l'offerta dei Browns con la possibilità di ripetersi la prossima stagione e di poter quindi avere un'offerta migliore dopo il 2014. Non c'è fretta per Gase di lasciare. Non per andare ai Browns. A Manning piace il playbook di Gase e quest'ultimo non potrà che beneficiare di un'altra stagione con l'ex Colts. A volte è meglio saper aspettare che, per la fretta, gettarsi in una situazione difficile, con il rischio di venir bruciati. La decisione di Gase di rifutare il posto dei Browns e, poco prima, quello dei Vikings, ha senso. Senza dire di come una stagione in più nella posizione non potrà che far bene al giovane allenatore.

martedì 14 gennaio 2014

La scelta di Caldwell

Identificare il miglior leader è il miglior modo di trovare un valido head coach. Parola di Dan Graziano, di ESPN.com. I Detroit Lions pensano di averlo trovato in Jim Caldwell, nominato nuovo head coach dopo una ricerca di due settimane nelle quali la franchigia ha intervistato soltanto 4 candidati. Il 58enne Caldwell diventa il secondo head coach appartenente ad una minoranza etnica a venir ingaggiato in questa postseason, raggiungendo il nuovo head coach dei Tampa Bay Buccaneers, Lovie Smith. Caldwell centra tutti i criteri che i Lions apparentemente stavano cercando di trovare nel loro prossimo head coach. Caldwell infatti è un coach con precedente esperienza da head coach, con un background offensivo e con esperienza nel lavorare con i quarterbacks. Prima di Caldwell, Detroit aveva seguito l'ex coach dei Texans Gary Kubiak, l'ex coach dei Titans Mike Munchak e l'ex offensive coordinator dei Chargers Ken Whisenhunt. Proprio Whisenhunt, considerato la prima scelta dei Lions, ha invece deciso lunedì di firmare con i Titans. Tutti gli intervistati avevano una cosa in comune: sono tutti stati già head coach da qualche parte. Caldwell è stato head coach dal 2009 al 2011 con i Colts e dal 1993 al 2000 con Wake Forest. In entrambi i casi, i risultati non sono stati totalmente positivi. Con i Colts, Caldwell ha postato un record di 26-22 in tre stagioni dopo aver sostituito Tony Dungy. Indianapolis ha raggiunto il Super Bowl nella prima stagione sotto Caldwell ed i playoffs quella successiva. Ma quando Peyton Manning si infortunò restando fuori nella stagione 2011, i Colts produssero un disarmante 2-14. Si tratta di una buona scelta per Detroit? Le opinioni divergono. Mentre i circoli interni alla NFL, compresi ex giocatori, hanno parlato bene di Caldwell, qualche dubbio resta per gli analisti. Dopo Indianapolis, lo stop successivo di Caldwell è stato con Baltimore, prima come quarterbacks coach e poi come offensive coordinator, dopo aver sostituito Cam Cameron nel dicembre del 2012. Qui Caldwell ha fatto un grande lavoro guidando Joe Flacco a vincere il Super Bowl ed a lanciare 11 touchdowns e 0 INTs nei playoffs. Tuttavia, in questa stagione sotto Caldwell i Ravens sono stati appena 29° in total offense (307.4 yards a game) e 25° in scoring (20 punti a game). E Flacco è regredito, lanciando più INTs (22) che touchdown passes (19) in questa stagione, completando meno che il 60 percento dei lanci. Detroit è alla ricerca di un head coach che guidi la franchigia fuori dall'anonimato, che trasformi il team in una presenza costante ai playoff e in una forza capace di competere per division titles e allori vari. Caldwell arriva senza l'appeal di un Chip Kelly o con il background di essere un guru offensivo. Si presentà peròò con la fama di essere un buon leader. Basterà? Caldwell dovrà dimostrare di poter trasformare il quarterback Matthew Stafford, ma di poterlo fare su un lungo periodo e non soltanto a breve termine. Se riuscirà a farlo, Detroit avrà trovato l'uomo giusto.

lunedì 13 gennaio 2014

Munchak

Mike Munchak, 53 anni, è sempre stato legato all'organizzazione dei Titans. E' stato il loro head coach per tre stagioni, 2011-2013, postando record di 9-7, 6-10 e 7-9. Ed è stato anche un giocatore con gli Houston Oilers, da cui i Titans discendono. Ha inoltre lavorato precedentemente come loro offensive line coach dal 1997 fino 2012, prima di diventarne head coach. Un Hall of Fame come lineman per gli Oilers nel periodo 1982-1993, Munchak è stato licenziato al termine di questa stagione. Un'uscita a testa alta: a Munchak era stata data l'alternativa fra licenziare alcuni assistant coaches, fra i quali alcuni suoi amici e il licenziamento. Ha scelto l'ultima opzione, preferendo restare fedele ai legami tecnici ed affettivi costruiti negli anni e scegliendo anche il principio per il quale non è necessario licenziare tanto per licenziare. Dopo aver cambiato il coaching staff della propria offense al termine della scorsa stagione, non avrebbe avuto senso per Munchak il cambiare nuovamente dopo soltanto una regula season. In particolare, il motivo del contendere fra il general manager Ruston Webster e Munchak è stato il futuro dell'offensive coordinator Dowell Loggains, che Munchak voleva confermare a tutti i costi. L'integrità e le qualità di Munchak non sono comunque rimaste inosservate. Muchak è stato infatti già intervistato per il posto di head coach a Penn State, prima che la scelta cadesse su James Franklin, a Detroit, dove è ancora favorito Ken Whisenhunt ed a Houston, per il posto di offensive line coach. Ora, secondo quanto riportato da Chris Mortensen di ESPN, Munchak verrà intervistato anche dai Cleveland Browns per il posto da head coach, vacante dopo il licenziamento di Rob Chudzinski. Browns che sono alla ricerca di un head coach dopo che il favorito per la posizione,  l'offensive coordinator dei New England Patriots, Josh McDaniels, ha deciso di non essere interessato al posto. Non è detto che Munchak venga ingaggiato nuovamente come head coach, ma sicuramente il fatto che sia nelle liste di molti GM per una qualche posizione da coach indica il buon lavoro fatto a Tennessee, indipendentemente dai risultati negativi e conferma la grande considerazione di cui l'ex lineman gode nei circoli del football.

venerdì 10 gennaio 2014

Jay Gruden, Washington, Jon Gruden e altre cose...

Gli  Washington Redskins ritengono di aver individuato l'uomo giusto in Jay Gruden, ex offensive coordinator dei Cincinnati Bengals, e lo hanno nominato nuovo head coach con un contratto da 5 stagioni. Gruden eredita un team reduce da una stagione 3-13 e con quarterback, Robert Griffin III, sensibilmente regredito rispetto alla sua stagione da rookie. La scelta di Gruden non ha l'hype delle precedenti scelte compiute dal discusso owner Dan Snyder: Marty Schottenheimer, Steve Spurrier, Joe Gibbs e Mike Shanahan avevano tutti un cv di rispetto prima di firmare con Washington. E tuttavia, la scelta di Gruden non è sorprendente come un'altra scelta fatta a suo tempo da Snyder, cioè Jim Zorn, praticamente uno sconosciuto fino al momento di essere elevato alla posizione di head coach. L'esperienza Gruden se l'è fatta nell'Arena Football League, dove è stato head coach degli Orlando Predators dal 2004 al 2008 e nella United Football League, prima come offensive coordinator sotto Jim Haslett e poi come head coach dei Florida Tuskers. Quindi il salto nella NFL, con tre stagioni come offensive coordinator a Cincinnati. Gruden non entra in una organizzazione da sconosciuto, avendo avuto legami con il general manager dei Redskins, Bruce Allen, quando entrambi erano a Tampa Bay -- dove Gruden ha passato 7 stagioni come offensive assistant dei Buccaneers -- e con il director of football operations Paul Kelly ed in passato ha lavorato, oltre con con il già citato Haslett, attuale defensive coordinator a Washington, con altri due coaches dei Redskins, come il secondary coach Raheem Morris ed il tight ends coach Sean McVay. E' difficile fare previsione sul grado di successo che Gruden potrà avere a Washington. Per alcuni analisti, l'esperienza maturata come OC di Cincinnati è abbastanza per avere una base da head coach. Per altri, al contrario, queste 3 stagioni sono poche. Ed i risultati conseguiti possono essere letti con il classico bicchiere mezzo pieno, ma anche con quello mezzo vuoto. La sua offense, con i Bengals, ha prodotto regular seasons fantastiche, finendo 10° nella NFL con 24.3 punti di media per game, ma nei playoffs ha prodotto una media di soltanto 11 punti per game nelle scorse 3 stagioni -- tutte chiuse con una eliminazione al primo turno di postseason. Il lavoro fatto con il quarterback Andy Dalton è significativo del grado di dubbio esistente intorno a Gruden. Dalton ha giocato bene nelle sue prime 3 stagioni NFL, dove i Bengals hanno vinto 30 su 48 games in regular-season, ma le sue performances ai playoff sono state negative. Gruden deve quindi essere apprezzato per aver trasformato la offense dei Bengals in una da playoff, nonostante la presenza di un quarterback mediocre dietro il centro o la non maturazione di Dalton deve invece essere attribuita allo scarso sviluppo prodotto dal quarterback sotto il suo offensive coordinator? Quello che ha prodotto in Ohio è stato abbastanza da meritare a Gruden il posto di head coach in una delle organizzazioni più importanti della NFL? C'è il sospetto che il cognome di Jay, appunto Gruden, cioè lo stesso dell'analista ESPN ed excampione NFL Jon Gruden, fratello dell'ex coordinator dei Bengals, abbia contribuito non poco alla scelta di Snyder. Di certo, l'identikit di Jay Gruden rispecchia quello del coach ideale ricercato in queste ultime stagioni da molti owners, quello cioè di un giovane allenatore, di stampo offensivo, che abbia avuto un certo successo con giovani quarterbacks. Qualcosa cambierà a livello di offense. Shanahan è un West Coast coach anche se Washington nelle ultime stagioni ha importato qualche gioco da Baylor per favorire Griffin III. Anche Gruden è legato alla West Coast, ma con distinzioni rispetto a quella di Shanahan. Riuscirà Gruden a produrre successo e continuità a Washington? Molto dipenderà da quanto sarà in grado di costruire offensivamente intorno a RG III.